Ogni pensiero che pensi ed ogni parola che dici è straordinariamente importante, perché ogni pensiero ed ogni parola attrae di nuovo a te la sua natura, attraverso la mente soggettiva, mentre viaggia dentro ed attraverso il reame creativo medianico.

I risultati ottenuti e le letture sono basate sul potere scaturito dal controllo del pensiero focalizzato e della preghiera focalizzata. Per controllare e focalizzare il pensiero dobbiamo imparare tutto ciò che possiamo riguardo ai nostri poteri interiori.
Per comprendere il processo occorre prima riconoscere le proprie abilità intuitive, che sono i rami iniziali dell’albero del Theta Healing, utilizzati “salire a cercare il Creatore di tutto ciò che è”.

Cos’è lo stato di Theta?
Ci sono 5 diverse frequenze di onde cerebrali: Beta, Alpha, Theta, Delta e Gamma esse sono in continuo movimento, il cervello produce sempre costantemente queste onde in tutte le frequenze. Ogni cosa che l’essere umano fa o dice è regolata dalla frequenza delle onde cerebrali.

La scienza ho scoperto che alcune frequenze cerebrali come alpha e theta possono:

  • Ridurre lo stress ed alleviare ansia alle persone che ne sono soggette
  • Facilitare un profondo relax fisico e chiarezza mentale
  • Aumentare la capacità verbale e la performance IQ
  • Sincronizzare entrambi gli emisferi del cervello
  • Invocare immagini mantali vivide e spontanee, il pensiero immaginativo e creativo, riducono il dolore, promuovono l’euforia e stimolano il rilascio di endorfine
  • Rigenerare le cellule

Lo stato mentale di Theta si ottiene quando mandi fuori la tua coscienza attraverso il tuo settimo chakra per connetterti con l’energia creatrice di tutto ciò che esiste e comandi la tua mente inconscia a co creare per gli scopi specifici.

Anche se nelle letture di theta sono usati tutti i chakras ed i centri energetici, è il chakra coronale che prevale nelle sessioni di Theta Healing poiché è il “passaggio” alla verità del Creatore.

 

Condividi...Share on FacebookEmail this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn